Ciao 2016: riviviamo insieme dodici mesi di Rugby Brescia!

Ciao 2016: riviviamo insieme dodici mesi di Rugby Brescia!

20 partite ufficiali tra Prima Fase e Poule Promozione di Serie A, con 9 vittorie e 11 battute d’arresto: è questo il ruolino di marcia della Prima Squadra del Rugby Brescia nel 2016 che sta per concludersi. Un anno che ha visto la Società della Presidente Federica Montanarini conquistare per due volte consecutive l’accesso alla Poule Promozione, il torneo che sceglie le quattro migliori squadre della Serie A e che dà diritto a giocarsi la promozione in Eccellenza.

L’estate è una sorta di spartiacque nel percorso dei nostri ragazzi, se consideriamo che Jacotti e compagni nella prima parte dell’anno hanno totalizzato 3 vittorie e 8 sconfitte sulle 11 gare disputate (10 delle quali, però, facevano parte proprio del Poule Promozione): una situazione che si è ribaltata tra ottobre e dicembre, con 6 vittorie e 3 sconfitte in 9 partite (tutte della Prima Fase).

Ma andiamo con ordine. Il 2016 si apriva con la sconfitta casalinga contro Accademia FIR, che non pregiudicava però l’accesso alla Poule Promozione: qui i ragazzi di coach Marco Pisati si battevano bene, riuscendo anche nell’impresa di sconfiggere quel Pro Recco poi vincitore del girone e chiudendo al quinto posto con 16 punti conquistati.

La seconda parte dell’anno si apriva, come di consueto, con il mercato e l’approdo in Via della Maggia di diversi volti nuovi (molti dei quali provenienti dal Rugby Lumezzane costretto a rinunciare all’iscrizione al campionato). Ma soprattutto si apriva con l’inserimento del Rugby Brescia nel Girone 2 della Serie A, insieme a compagini di ottimo livello come Verona e Colorno. E proprio l’esordio del 2 ottobre allo Stadio Invernici contro gli emiliani regalava subito grandi emozioni, con i nostri che andavano vicinissimi all’impresa (sconfitta 29-28) ma che uscivano dal campo a testa comunque altissima.

Il calendario proponeva poi due trasferte consecutive: la prima era un altro match ad altissimo coefficiente di difficoltà, la trasferta di Verona (domenica 9 ottobre), che si concludeva con un ko di misura (18-12); la seconda vedeva i nostri impegnati sul campo di Parabiago (domenica 16 ottobre), dove arrivava la prima vittoria della stagione 2016/2017 grazie al successo 29-20.

Il mese di ottobre regalava altri due match, ma soprattutto altre due vittorie: una in casa contro Milano (domenica 23 ottobre), piegata con il roboante punteggio di 40-17, l’altra sul campo del Rugby Valpolicella (36-13) la domenica successiva, nel match che chiudeva il girone d’andata.

A novembre la musica non cambiava: prima della pausa per le Nazionali, i nostri ragazzi firmavano l’impresa forse più bella della stagione, andando a vincere 17-15 sul campo di Colorno, inviolato da oltre un anno. Al ritorno in campo, un mese dopo, la striscia di quattro vittorie consecutive veniva purtroppo interrotta da Verona, che espugnava l’Invernici 16-13.

Ma i nostri ritrovavano subito il sorriso: domenica 11 dicembre la voglia di rivalsa di Antl e compagni si abbatteva su Parabiago, che veniva sconfitto 38-33. Successo importante, perché valeva l’accesso matematico alla Poule Promozione. Un traguardo che non appagava comunque i nostri: sette giorni dopo, infatti, l’Idroscalo di Milano era terra di conquista bresciana, con i padroni di casa del Rugby Milano spazzati via 56-12 da un Piscitelli in grande spolvero. Era l’ultimo match di questo 2016 e Brescia poteva festeggiare, oltre alla vittoria, l’aggancio a Verona al secondo posto in graduatoria.

Il 2017 si aprirà, in questo pazzo calendario, con l’ultimo match della Prima Fase, in programma domenica 15 gennaio all’Invernici contro Valpolicella. Una partita importante, perché servirà ai nostri ragazzi per prepararsi nel migliore dei modi a quello che sarà l’imminente avvio della Poule Promozione. Forse abbiamo già detto che si tratta del momento più importante della stagione…e Brescia, come confermato anche da coach Pisati, quest’anno vuole recitare un ruolo da protagonista! Forza Rugby Brescia!

Davide Antonioli

Inserisci un commento